Cosa guardare prima di comprare un computer portatile

Il mercato dei notebook negli ultimi anni è stato messo di frequente in discussione dal successo dei tablet, ma chi lo usa per lavoro sa che può fare tante cose che un tablet non permette. Non è un caso che da qualche anno sul mercato sono entrati dei tablet dotati di tastiera come l’iPAD Pro o il Surface.

Quando si acquista un computer portatile bisogna prestare attenzione a diverse caratteristiche. I laptop moderni sono dei ritrovati tecnologici stupendi, che usano il meglio della miniaturizzazione, offrendo al contempo prestazioni paragonabili a un computer fisso e nettamente superiori a quelle di un tablet.

Il design è molto importante. La tendenza iniziata dalla linea di Macbook Pro e Air ha dato uno slancio a tutta l’industria del settore producendo portatili sempre più intriganti dal punto di vista estetico. Sono molto sottili eleggere rispetto al passato e quelli di gamma superiore hanno display e tastiere rimovibili.

I notebook convenzionali non hanno le due parti separabili. Ma proprio per combattere la tendenza di mercato favorevole al tablet, i produttori principali stanno puntando anche sui modelli ibridi, che consentono di utilizzare il display come un tablet, con la tecnologia touch.

La tastiera è un elemento fondamentale: dev’essere morbida, silenziosa e scorrevole per consentire una scrittura veloce e comoda. Si può anzi affermare che la manifattura della tastiera è uno dei requisiti da tenere a mente, quando si giudica la qualità del computer.

I notebook devono rispondere alle esigenze di chi lo utilizza. È inutile acquistare un computer super-potente se non si usa per elaborazioni pesanti, mentre se lo state acquistando per dei videogiochi moderni, come GTA o Assassin Creed, per citare due titoli best-seller, è inutile che vi rechiate al supermercato a comprare un Acer in prezzo di discount. I notebook a buon prezzo stanno risparmiando sulle componenti interne: in particolare sulla qualità dell’alimentatore (con rischi di riscaldamento eccessivo) e soprattutto sulla potenza grafica e su quella del processore, fondamentali per far andare veloce il notebook. Quando lo si acquista, ad esempio su Amazon, meglio far riferimento alle recensioni e assicurarsi in questo caso che sia adatto al gaming. Poi conviene controllare anche il software dato in dotazione: se vi serve principalmente per scrivere e per lavoro, magari potreste aver bisogno del pacchetto Office. Alcuni rivenditori lo vendono integrato con la licenza d’uso del sistema operativo, tanto vale ripiegare su queste offerte, raggiungendo un buon compromesso con la qualità.

Un elemento fondamentale infine è la portabilità e la durata della batteria: le batterie tendono ad avere dei cicli di ricarica. L’uso estensivo del laptop incide sulla vita della batteria, ad esempio giocando e guardando filmati tende a scaricarsi prima, quindi richiede delle ricariche. Ovviamente batterie di poco pregio comportano un prezzo più basso, ma possono causare una sostituzione anticipata, per cui anche qui occorre un compromesso. In alcuni casi le batterie sono integrate, come nel caso dei MacBook e quindi occorre la sostituzione da parte di un tecnico. In notebook di buona qualità esse durano anche 8 ore, usandolo per aprire documenti e navigare sul web.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*