Quali sono i poteri del Papa

Il Papa è il capo spirituale e guida apostolica della Chiesa cattolica, a lui spetta, come successore di San Pietro, la cattedra di vescovo di Roma e in tale veste il primato d’onore su tutta la Chiesa, con piena potestà di giurisdizione per tutto ciò che concerne la vita religiosa, amministrativa, organizzativa della Chiesa, sia per le regole, per i costumi nonché per la disciplina di diritto canonico. Di fatto il Papa è un monarca vero e proprio, è titolare del magistero ecclesiastico, che esercita da solo o in concorso con il concilio ecumenico dei vescovi.

Essendo organo supremo della potestà di giurisdizione sulla Chiesa, egli esercita e personifica il potere legislativo, giudiziario e amministrativo, potendo riservare o avocare a sé singole facoltà, sostituendosi anche agli organi inferiori: sono comunque a lui riservate di norma le cause più importanti, avvalendosi di delegati per quelle minori.

I titoli con i quali il Papa è conosciuto sono quelli di Sommo Pontefice, vescovo di Roma, vicario di Gesù Cristo, successore del principe degli Apostoli, patriarca d’occidente, primate d’Italia, arcivescovo e metropolita della provincia romana, sovrano della città stato del Vaticano, servo dei servi di Dio. Giornalisticamente e per convenzione viene definito Papa, Santo Padre e sua Santità. Nelle solenni cerimonie viene assistito dalla cappella pontificia, che di fatto può essere definita come la “corte”, mentre la famiglia pontificia è quella che si prende cura personalmente del Papa nella gestione interna ed è coadiuvata da varie amministrazioni palatine (gli Uffici), i corpi armati pontifici (le Guardie Svizzere) e altri collaboratori appartenenti di norma alla Curia.

Il papa rappresenta tutta la chiesa: tratta pertanto con i capi di stato, presso i quali viene rappresentato dalla ambascerie note come Nunziature. I capi di stato esteri si fanno accreditare tramite i loro agenti diplomatici. Al papa, secondo i patti Lateranensi, viene riconosciuta la piena sovranità temporale sullo stato della Città del Vaticano, l’entità statuale più piccola del mondo. Il papa esercita il ruolo di vescovo di Roma attraverso un cardinale vicario, coadiuvato dagli ufficiali della curia per il governo della diocesi, che si estende oltre i confini del Vaticano. Il famoso o famigerato cardinale Camillo Ruini è stato cardinale vicario per ben 17 anni, fino al ritiro avvenuto nel 2008. La vacanza del pontificato si verifica in due occasioni: morte e rinuncia. Entrambe le abbiamo sperimentate con gli ultimi due pontificati che hanno preceduto l’ascesa al soglio di Pietro di Papa Francesco. Questi infatti è subentrato a Papa Benedetto XVI, che per la prima volta in oltre 500 anni, ha rinunciato al pontificato il 28 febbraio 2013, dopo circa 8 anni di regno. Era infatti succeduto a Giovanni Paolo II, deceduto dopo un lungo pontificato nel 2005.

1 Trackback / Pingback

  1. L'evoluzione del Vaticano e i suoi tesori - Jug Roma

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*